Alcol in soccorso

Alcol in soccorso

Quando il gioco si fa duro, i duri diventano creativi. Prendi Bacardí per esempio.

Dopo aver dovuto cancellare il tanto atteso Bacardí Legacy Global Cocktail Competition che si terrà a Miami a maggio, l’azienda ha rivolto la sua attenzione alla questione in questione. Combattere il Covid-19.

Quale modo migliore per utilizzare il potere che deriva dall’essere la più grande distilleria di rum del mondo piuttosto che utilizzare le tue materie prime per creare disinfettanti per le mani tanto necessari?

Non solo, potremmo aggiungere.

Come le cose migliori della vita, è il risultato di una partnership ispirata.

In questo caso particolare, una collaborazione tra la distilleria Bacardí Corporation e Olein Refinery a Porto Rico.

Insieme, produrranno più di 1,7 milioni di unità di disinfettanti per le mani da 250 ml.

La produzione è iniziata la scorsa settimana (17 marzo) e mezzo milione di bottiglie sarà devoluto a comunità locali, polizia, vigili del fuoco e tutti i dipendenti e gli appaltatori di Bacardi. Il resto sarà devoluto ad associazioni senza scopo di lucro.

Un certo numero di distillerie in tutto il mondo stanno usando il loro alcol per fare esattamente la stessa cosa.

All’inizio di questa settimana Diageo ha annunciato che avrebbe donato due milioni di litri di materiale ai partner di produzione.

Ciò equivale a otto milioni di flaconi di disinfettanti per le mani da 250 ml che saranno messi a disposizione di operatori sanitari e pazienti nel Regno Unito e nella Repubblica d’Irlanda, Italia, Stati Uniti, Brasile, Kenya, India e Australia. Pernod Ricard nel frattempo ha stretto una partnership con Laboratoire Cooper per offrire 70.000 litri di alcol che andranno a produrre 1,8 milioni di bottiglie da 50 ml.

Ma non sono solo i grandi che stanno facendo la loro parte per combattere il coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.