Asia e DMBA Awards

Asia e DMBA Awards:cosa succede

Se dovessimo consegnare un trofeo alla cerimonia di premiazione dell’industria delle bevande che racchiude tanto sfarzo, glamour e divertimento come gli Oscar, andrebbe ai DRiNK Magazine Bar Awards (DMBA), senza dubbio.

Istituito quattro anni fa da Theo Watt per riconoscere la ricchezza di talenti che fanno ondate nella scena del bartending cinese e asiatica, questo evento annuale è cresciuto in modo esponenziale in termini di dimensioni e status.

Chiunque sia qualcuno nel mondo delle bevande in Asia e nei dintorni fa del proprio lavoro essere nella lista degli ospiti.

E come succede in Cina, entrano nello spirito delle cose in grande stile.

Ciò significa cravatta nera per i ragazzi e abiti più fantasiosi per le donne e che il rispetto e il desiderio di sembrare che gliene freghi davvero è ricompensato con la madre di tutti gli spettacoli.

DMBA è una finestra su ciò che sta accadendo in Cina e in Asia in una notte, non solo per il resto del mondo, ma per i milioni di persone che trasmetteranno in streaming

Ma prima di arrivare ai vincitori, alcune parole di Theo Watt, fondatore di DMBA e presentatore insieme a Eddy Yang la sera:

Quanto tempo è stato necessario per DMBA?

La rivista è nata per prima, ma nello stesso anno in cui l’abbiamo lanciata, stavo pensando a come potevamo trasformare la pubblicazione in una cerimonia di premiazione.

Prima di venire a Shanghai ero in Australia, dove avevano molte attivazioni come questa: è stato un ottimo punto di riferimento.

Qui, in Cina, dove non è stato fatto nulla di simile prima, hai molti sogni.

Volevo far crescere il marchio in uno spettacolo da bar e una cerimonia di premiazione, ma la cosa più importante per me era scegliere il momento giusto per fare le cose.

Questo e costruire fiducia e credibilità con i nostri lettori e la nostra base di clienti.

Allora, qual era il momento giusto?

Sono stati sette anni a pensare “posso farcela” e “cosa mi serve per farlo” prima di andare avanti e farlo.

La chiave di tutto ciò era il design per il premio; quella era una delle cose che dovevo avere prima ancora di pensare a qualsiasi altra cosa.

Alla fine, è stato mio padre, Laurence Watt, a ideare l’aspetto dei premi e del logo. Stavamo bevendo qualcosa a casa sua quando è uscito con lo sketch. Ero tipo “amico, questo è tutto!” e quella fu la scintilla alla fiamma.

Ogni premio è creato dall’argentiere britannico Julie Jones e realizzato in argento massiccio. I tre premi più prestigiosi – Bar of the Year, Bartender of the Year e Our Founders Award – sono rivestiti d’oro.

Chi è stato coinvolto nelle prime fasi dei premi?

L’evento è stato sponsorizzato principalmente da Chivas Regal e da un gruppo di grandi aziende che hanno sostenuto i 16 premi.

Qual è l’obiettivo generale della serata?

DMBA è una finestra su ciò che sta accadendo in Cina e in Asia in una notte, non solo per il resto del mondo, ma per i milioni di persone che trasmetteranno in streaming.

È una panoramica di quanto sia grande questo settore; per tutte le persone dietro le quinte, inclusi i migliori marchi, i marchi innovativi, gli imprenditori, ecc.

Ci sono molti premi, non solo per i baristi ma per l’intero settore. L’obiettivo è mostrare ai milioni di persone in streaming di provare i cocktail; stiamo dicendo di non aver paura di uscire dalla tua zona di comfort.

I cinesi sono molto ambiziosi – ecco perché spendo così tanto per quei premi – quando le persone vedono che i baristi valgono un premio d’oro, li prendono sul serio.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Il prossimo passo è costruire un cocktail festival attorno ai premi.

Sarà un festival di quattro o cinque giorni diffuso in tutta la città e avremo un’intera strada fiancheggiata da piccoli bar.

Non si tratterà solo di cocktail: avremo tè, caffè, acqua e tutti i tipi di bevande.

L’obiettivo sarà lo stesso di tutto ciò che facciamo, cercare di far bere meglio la gente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.