Cibo e cocktail: il mix perfetto

Cibo e cocktail: il mix perfetto?

Mi vengono in mente cocktail con cibo e aperitivi.

Non c’è da sorprendersi, niente stimola l’appetito per un pasto completo come un vivace Aperol Spritz o un elegante Negroni. Poi c’è il digestivo.

Ah, il digestivo… Anche la parola ti fa venir voglia di allentare il bottone in alto della cintura, accomodarti su una sedia comoda e sorseggiare qualcosa di caldo, scuro e confortante.

Nella sua forma più semplice, non c’è niente di meglio di un Classic Dry Martini (con un tocco piuttosto che un’oliva per quel tocco di agrumi essenziale) abbinato a fish and chips.

Che ne dici di qualcosa di un po’ più creativo?

Abbiamo avuto alcune esperienze piuttosto mediocri in cui i baristi non hanno trovato il giusto equilibrio, mentre quelli che lo “capiscono” portano una dimensione completamente nuova a un pasto.

Come il vino, puoi andare in una delle due direzioni: complementari o contrastanti.

I sapori complementari sono più facili da pensare quando non vuoi stressarti troppo.

Se consideri il tuo cocktail come un contorno per il piatto in questione, invariabilmente ti imbatterai in una combinazione vincente: alcolici affumicati da affiancare a carni alla brace.

Le note contrastanti funzionano altrettanto bene, risvegliando piacevolmente il palato. Se stai cercando qualcosa di grasso puoi aggiungere note agrumate al tuo cocktail, mentre una libagione a base di frutta offre un abbinamento interessante per piatti di terra come stufati o stufati, anche carne alla griglia.

E se vuoi davvero portare l’abbinamento dei cocktail a un altro livello, perché non aggiungere carattere al tuo cibo marinando carni come maiale e pollo con le erbe e le spezie che si trovano nel gin?

Schiacciate le bacche di ginepro, aggiungete un po’ di cardamomo, una spolverata di limone e scorza di lime, lasciate in infusione per mezz’ora circa, poi grigliate o grigliate e servite con un Martini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.