Come fare il Negroni

Come fare il Negroni

Mescolare un Negroni è in realtà piuttosto semplice, composto da tre ingredienti classici in egual misura e non richiede assolutamente attrezzature particolari.

Più impegnativo è il fatto che non è così noto come merita, il suo nome di certo non viene sbandierato come un Dry Martini, un Bloody Mary o un Cosmopolitan.

Ma, come alcune società segrete internazionali, ha legioni di devoti seguaci. Se di tanto in tanto ti piacciono i tuoi drink dal lato amaro e complesso, sospettiamo che una volta provato ti piacerà non unirti a loro.

Si narra che sia nato intorno al 1919 quando un certo conte Camillo Negroni entrò nel suo solito bar fiorentino e chiese il suo solito Americano ma “con un po’ più di carica”.

L’abile barista ha obbligato mantenendo il vermouth dolce dell’Americano e il Campari ma scaricando l’acqua gassata a favore del gin secco. Sì, questo ha dato un calcio a tutto questo.

E questo è tutto. Un bicchierino per ciascuno di questi tre ingredienti, gin secco, vermouth dolce e Campari, mescolato in un bicchiere rock pieno di ghiaccio, quindi guarnito con arancia, un twist o uno spicchio.

Così semplice, così sublime.

Ci sono anche variazioni in abbondanza. Prova a condire la ricetta classica con un galleggiante di Prosecco per allungarla.

Portalo in diverse direzioni sostituendo il gin con tequila, vodka o anche rum.

E gioca con come ti piace l’elemento liquoroso amaro sostituendo il Campari con Aperol o Cynar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.